il nostro materiale

PATRIMONIO LIBRARIO

Il patrimonio librario della Biblioteca di Studi Umanistici è costituito dall’accorpamento del patrimonio della Biblioteca Petrarca e della Biblioteca Boezio.

A loro volta, la storia delle collezioni documentarie presenti nelle due biblioteche oggetto dell’unificazione è direttamente collegata alla storia dei tradizionali Istituti incardinati nell’Ateneo.

Archeologia
Ex biblioteca dell’Istituto di Archeologia, fondato nel 1819 da Pietro Vittorio Aldini e primo istituto universitario italiano di tale disciplina.
Ha un ricco patrimonio di 15.000 monografie e una cospicua collezione di immagini (diapositive, materiale fotografico).

Arte
Ex biblioteca dell’Istituto di Storia dell’Arte, istituito nel 1936 da Antonio Morassi.
Ha un patrimonio di 18.000 monografie, collezioni di immagini e di grafica (diapositive, rilievi architettonici).

Filologia classica
I libri sono stati acquistati sistematicamente dalla fine del 1800 e oggi la sezione custodisce un cospicuo patrimonio librario (68.000 volumi); gli esemplari più antichi risalgono alla fine del 1700.

Geografia
Il nucleo centrale delle collezioni risale all’ex biblioteca dell’Istituto di Geografia (già Gabinetto di Geografia), fondato nel 1892 in concomitanza con il IV centenario della scoperta dell’America.
Annovera un patrimonio di circa 15.000 monografie e di 65 periodici. Possiede, inoltre, una cospicua raccolta di carte geografiche e atlanti antichi dal XVI al XIX secolo, una ricchissima collezione miscellanea di estratti e opuscoli e una piccola raccolta di strumenti didattici risalenti al periodo tra XIX e XX secolo.

Letteratura
Custodisce una collezione di 92.000 volumi, arricchita grazie a numerosi fondi di notevole interesse scientifico (Bianchi, Egon Corti, Debenedetti-Segre).

Orientalistica
Risale nel suo nucleo centrale alla Biblioteca dell’Istituto di Glottologia, confluito poi nel Dipartimento di Scienze dell’Antichità. Le prime acquisizioni librarie pertinenti le discipline che vi si coltivano sono iniziate alla fine del 1800 e soprattutto all’inizio del 1900.
Ha raggiunto oggi una consistenza di circa 12.000 volumi monografici , tanto da essere ormai una delle più complete in Italia per l’Ittitologia, la Storia del Vicino Oriente Antico e la Micenologia.

Scienze storiche
Il nucleo costitutivo delle raccolte di Paleografia e diplomatica e di Storia medievale risale alla metà degli anni Cinquanta del secolo scorso.  Attualmente il posseduto di paleografia, diplomatica e storia medievale ammonta a circa 7.000 volumi.
La biblioteca di Storia moderna e contemporanea si è costituita attorno al nucleo originario di raccolte acquisite dal prof. Ettore Rota, che ricoprì incarichi di insegnamento dal 1921 al 1958. Ma è nei primi anni Sessanta del secolo scorso che le raccolte si ampliano in misura determinante e la Biblioteca assume l’attuale struttura delle collocazioni, grazie al fondamentale contributo del prof. Mario Bendiscioli, del prof. Dante Zanetti e del prof. Giovanni Vigo.

Spettacolo
È una sezione di recente istituzione (1999-2000): insieme a una raccolta di circa 8.000 volumi monografici, annovera una videoteca attrezzata con postazioni per la visione di film. Vi sono annessi, inoltre, i laboratori di teatro e montaggio cinematografico.
Nel 2005 la sezione ha acquisito in comodato d’uso dalla Provincia di Pavia l’Archiviocinema Fondo Davide Turconi, vasta e preziosa raccolta di circa 10.000 documenti, di valore assoluto (monografie, periodici e documentazione fotografica sulla storia del cinema).

FONDI

La Biblioteca di Studi Umanistici possiede numerosi fondi librari, espressione dell’attività di ricerca e degli interessi individuali di studiosi, non solo accademici.
Per una puntuale descrizione di questo prezioso materiale, che comprende anche numerosi testi antichi (anteriori cioè al 1830),  consultare la relativa scheda descrittiva.

CATALOGO MICROFILM
Nel catalogo è descritta la maggior parte dei microfilm in deposito presso la Sezione di Letteratura della Biblioteca, riproducenti manoscritti e libri a stampa antichi e moderni (sono stati però trascurati molti di quelli relativi solo a singole sezioni dei codici). La natura del catalogo è stata condizionata dall’esigenza primaria, che era quella di un riordino del materiale giacente da anni presso il Dipartimento di Scienza della Letteratura e dell’Arte medievale e moderna: per la catalogazione, eseguita nel corso del 1999 da Maria Finazzi, afferente al Dipartimento, sono stati quindi adottati criteri di descrizione semplificati. A partire dal 2000 l’inserimento dei dati relativi ai nuovi microfilm acquistati o acquisiti dalla Sezione di Letteratura prosegue a cura del personale della Biblioteca.
(Per accedere, in sola consultazione:    login microfilm       PW consulta)

 

Università di Pavia | Webmail | Rubrica Ateneo |

Calendari Ateneo | Intranet
Amministrazione trasparente | Privacy | Webmaster | Note legali